BarLungo con Simone: cosa cambia dopo le elezioni amministrative?

Siamo di nuovo on air!!

Insieme al grande amico Simone Pesucci si parla delle elezioni amministrative che hanno visto trionfare il centrosinistra in quasi tutte le città. Che effetto avrà il risultato sullo scacchiere politico? E sul governo Draghi? Ma soprattutto, come recuperare l’astensione?

Aspettiamo i vostri commenti e magari lanciateci un tema da approfondire nelle prossime puntate!!

Buon ascolto!

BarLungo con Simone: attacchi di natura fascista…che fare??

Ecco il nuovo appuntamento con il podcast del blog!!

Insieme all’amico e professionista Simone Pesucci analizziamo l’assalto alla sede della CGIL di Roma cercando di capire quali possono essere le risposte della stato e della politica. E poi, la destra italiana diventerà mai realmente europea?

Voi invece che fareste? Avete fiducia nell’evoluzione politica della destra? Ditecelo nei commenti!!

Buon ascolto!

Attacco alla democrazia

Ho riflettuto molto prima di dare un titolo del genere a questo articolo, ma poi mi sono detto…In che altro modo si può chiamare una situazione in cui una massa di persone orchestrata da un movimento politico che si rifà al fascismo fa irruzione nella sede del sindacato più numeroso, più antico e glorioso d’Italia? E quello in cui lo stesso movimento di piazza, con la scusa del green pass, cerca di arrivare a Palazzo Chigi gridando ” prendiamoci Roma”?

Ho ascoltato qualche genio della multiforme galassia dei no green pass o dei no vax cercare di giustificare l’accaduto dicendo che la gente era in piazza esasperata dalle scelte del governo che limitano le libertà individuali, dal rincaro delle bollette e dalla politica economica… Ma davvero vogliamo ancora sottovalutare una roba del genere? Davvero ancora vogliamo credere alla novella del no green pass? Questo è un attacco alle basi della nostra democrazia e chi prova a giustificare ciò è semplicemente connivente!

È l’ora di prendere, seppur con incredibile e colpevole ritardo, provvedimenti seri e durissimi nei confronti delle persone e delle organizzazioni che hanno guidato il vergognoso pomeriggio di sabato: è necessario chiudere immediatamente Forza Nuova!
E’ stata attaccata la CGIL, quella stessa organizzazione sindacale che era stata molto timida sull’introduzione del green pass obbligatorio nei luoghi di lavoro. Quel sindacato al quale magari i no green pass hanno chiesto un avanzamento di carriera, i tamponi pagati dall’azienda oppure lo Smart working per aggirare la legge che dal 15 ottobre non permetterà loro più di entrare al lavoro (come abbiamo spiegato in modo approfondito nel nostro podcast del BarLungo).
Hanno cercato di marciare su Palazzo Chigi, sede di quello stesso governo al quale chiedono la cassa integrazione, il blocco dei licenziamenti, la Naspi quando perdono il lavoro, la sanità e le cure gratuite quando poi magari si prendono il Covid…ma io dico: ma fate sul serio? Ma davvero non provate nemmeno un po’ di vergogna personale, siete ancora in grado di guardarvi allo specchio?

La gente normale si vaccina perché probabilmente crede nella scienza, oppure perché in famiglia tutti fanno così, o magari perché si fidano del proprio dottore che gli ha consigliato di farlo oppure anche solamente PERCHÉ HA BISOGNO DI LAVORARE!!
Nella vita reale non tutti vengono campati dai genitori, hanno case di proprietà, soldi e fondi lasciati dai nonni dai quali poter ricevere delle rendite mensili. Esiste anche un mondo in cui qualcuno ha dei figli, un mutuo da pagare, dei sogni da inseguire…e sapete cosa?? Incredibile!! Per fare tutto ciò servono dei soldi che nel mondo reale vengono guadagnati attraverso il lavoro!!!
Con la schifezza di sabato avete attaccato lo stato, ma soprattutto avete ancora una volta sputato in faccia ai vostri colleghi, ai vostri amici, ai vostri figli dando un esempio increscioso di tutto ciò che non è la democrazia.

Spero torniate da dove siete venuti e che ci lasciate vivere la nostra vita in santa pace. Voi rinchiudetevi pure nei vostri terratetti di famiglia a sorseggiare Martini….
Noi abbiamo cose più importanti a cui pensare semplicemente perché noi non siamo e non vogliamo essere come voi
.

Diario di un cassintegrato – parte venticinquesima

A grande richiesta (più o meno) torna la rubrica che ha fatto compagnia a me ed a tutti voi per quasi un anno!

Avevo promesso che sporadicamente avrei continuato a fare alcune riflessioni spero interessanti in modo da confrontarmi e, perché no, crescere grazie anche ai vostri commenti ed alle vostre idee. Nei mesi di pandemia e di sospensione dal lavoro, ho avuto modo di stringere nuove amicizie e coltivarne ulteriormente altre che ancora oggi mi fanno compagnia nella vita di tutti i giorni. La condivisione di quel periodo con persone come Leonardo ed Antonio restano la parte migliore di una parentesi tragica che spero sia chiusa per sempre! Ma proprio perché sono ancora miei compagni di viaggio, ho trovato nei loro racconti perfetta consonanza con ciò che sta accadendo anche a me adesso che sono rientrato nel vortice del lavoro al 100%.  Nei settori nei quali siamo impiegati, loro purtroppo ancora non a tempo pieno, la pausa forzata che abbiamo vissuto non è stata utilizzata come avevamo sperato: nessun aggiornamento, nessuna crescita professionale, nessun rafforzamento dei rapporti interpersonali all’interno dei luoghi di lavoro. Anzi, quando siamo rientrati ad ognuno di noi è stato chiesto qualcosa in più senza che fossimo preparati o fossimo preventivamente formati per svolgere il nuovo incarico.

La componente più difficile però, è stata ed è tuttora quella psicologica: rientrare nel vortice lavorativo dopo essere stati pressoché ignorati e dopo non aver visto i tuoi colleghi quasi continuativamente per un anno non è semplicissimo. Le persone con le quali lavori hanno maturato proprie riflessioni, proprie convinzioni non solamente in campo lavorativo ma anche e soprattutto relativamente a ciò che è successo negli ultimi 18 mesi. Dal green pass obbligatorio alla vaccinazione, dalle decisioni governative a quelle dell’azienda, dalla prevenzione del Covid nei luoghi di lavoro, all’uso della mascherina, ogni argomento è buono per dividersi, per dare una propria visione della problematica, per rimarcare la propria distanza dagli altri.

Ecco, rendersi conto di non essere più una squadra ma una somma di individui è probabilmente stato il pensiero dominante che ho avuto nelle prime settimane in cui sono rientrato al lavoro e non aver dato importanza al peso psicologico che ognuno di noi ha dovuto sopportare, credo sia l’aspetto più deludente e grave della questione.

Può mancare la riorganizzazione, si può rinunciare alla formazione permanente oppure anche alla routine quotidiana del recarsi al lavoro, ma ciò che non può mai mancare in un sano ambiente di lavoro è la cura dei rapporti interpersonali. Se non si ha un lavoro autonomo, dai momenti difficili si esce solamente insieme confrontandosi relativamente alle possibili soluzioni dei problemi. Senza questo, non se ne può uscire migliori, anche se tutti lo abbiamo voluto credere durante la pandemia!

Proprio per riflettere insieme in merito a tematiche sociali, economiche, politiche, per approfondire le decisioni governative o dei nostri amministratori locali, torna nelle prossime settimane il podcast del BarLungo con il nuovo compagno di viaggio Simone Pesucci. La gestazione è lunga, ma speriamo che il risultato non vi deluderà! Sarà un viaggio completamente diverso, un approfondimento su tematiche più o meno serie ma sempre legate all’attualità politica. Entro la fine del mese di ottobre si parte….State in campana!

Alla prossima!!!

BarLungo – Europei di Calcio 2021 Girone F

Si conclude momentaneamente la nostra cavalcata del podcast con il gruppo più avvincente ed equilibrato. Nel girone F sono finite addirittura tre delle favorite alla vittoria finale: la Francia di Mbappè, il Portogallo campione uscente e la Germania di Neuer. Ma come non ricordare anche l’Ungheria del CT italiano Marco Rossi? Con Flavio Bardaro e le trasferte bestiali della Betta, vi do appuntamento agli ottavi di finale!

Buon ascolto!

Arrivano gli Europei, nasce il BARLUNGO!

Partono da Roma l’11 giugno i primi campionati europei di calcio itineranti che intendono lanciare un messaggio di vera integrazione europea che ci avvicini ad una rinascita e ad un domani pieno di gioia e prosperità. In occasione della kermesse continentale rinviata la scorsa stagione a causa della pandemia, nasce anche il podcast del Corner del Lungo che si chiamerà BARLUNGO grazie ad una felicissima intuizione del mio grande amico ed artista Nicanor Cancellieri! Con l’avvicinarsi della prima gara pubblicherò una puntata registrata in compagnia di Flavio Bardaro per ognuno dei 6 gironi: una pillola di presentazione con una grande sorpresa che spero vi piacerà e vi divertirà.

Per entrare in clima, ecco di seguito le rose ufficiali delle 24 finaliste fatto salvo per alcuni cambiamenti dell’ultimissima ora dovuti a possibili infortuni di qualche protagonista. Buona lettura!

Ci sentiamo presto con il BARLUNGO!

GRUPPO A

ITALIA

Portieri: Donnarumma (Milan), Meret (Napoli), Sirigu (Torino);

Difensori: Acerbi (Lazio), Bastoni (Inter), Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Di Lorenzo (Napoli), Emerson (Chelsea), Florenzi (Paris Saint Germain), Spinazzola (Roma), Toloi (Atalanta);

Centrocampisti: Barella (Inter), Cristante (Roma), Jorginho (Chelsea), Locatelli (Sassuolo), Pellegrini (Roma), Pessina (Atalanta), Verratti (Paris Saint Germain);

Attaccanti: Belotti (Torino), Berardi (Sassuolo), Bernardeschi (Juventus), Chiesa (Juventus), Immobile (Lazio), Insigne (Napoli), Raspadori (Sassuolo).

Galles

Portieri: Hennessey (Crystal Palace), Ward (Leicester City), A. Davies (Stoke City)

Difensori: Lawrence (St. Pauli), B. Davies (Tottenham), Rodon (Tottenham), Mepham (Bournemouth), Gunter (Charlton Athletic), Norrington-Davies (Sheffield United), N. Williams (Liverpool), C. Roberts (Swansea City), Cabango (Swansea City)

Centrocampisti: Allen (Stoke City), Morrell (Luton Town), Ampadu (Chelsea), Smith (Manchester City), J. Williams (Cardiff City), Ramsey (Juventus), Levitt (Manchester United), Colwill (Cardiff City), Brooks (Bournemouth), Wilson (Liverpool)

Attaccanti: Moore (Cardiff City),  Bale (Real Madrid), T. Roberts (Leeds United), James (Manchester United).

Svizzera

Portieri: Mvogo (PSV), Omlin (Montpellier), Sommer (Borussia Monchengladbach);

Difensori: Akanji (Dortmund), Benito (Bordeaux), Comert (Basilea), Elvedi (Borussia Monchengladbach), Lotomba (Nizza), Mbabu (Wolfsburg), Omeragic (Zurigo), Rodríguez (Torino), Schar (Newcastle), Widmer (Basilea);

Centrocampisti: Fassnacht (Young Boys), Fernandes (Mainz), Freuler (Atalanta), Mehmedi (Wolfsburg), Ndoye (Nizza), Shaqiri (Liverpool), Sow (Eintracht Francoforte), Vargas (Augsburg), Xhaka (Arsenal), Zakaria (Borussia Monchengladbach), Zuber (Eintracht Francoforte);

Attaccanti: Embolo (Borussia Mönchengladbach), Gavranovic (Dinamo Zagabria), Seferovic (Benfica).

Turchia

Portieri: Bayindir (Fenerbahce), Cakir (Trabzonspor), Gunok (Istanbul Basaksehir);

Difensori: Ayhan (Sassuolo), Celik (Lille), Demiral (Juventus), Kabak (Liverpool),  Meras (Le Havre), Muldur (Sassuolo), Soyuncu (Leicester), R. Yilmaz (Besiktas);

Centrocampisti: Antalya (Galatasaray), Calhanoglu (Milan), Kahveci (Fenerbahce), Kokcu (Feyenoord), Tokoz (Besiktas), Tufan (Fenerbahce), Yazici (Lille), Yokuslu (West Bromwich Albion);

Attaccanti: Akturkoglu (Galatasaray), Dervisoglu (Galatasaray), Karaman (Fortuna Dusseldorf), Omur (Trabzonspor), Unal (Getafe), Under (Leicester), B. Yilmaz (Lille).

GRUPPO B

Belgio

Portieri: Courtois (Real Madrid), Mignolet (Club Brugge), Sels (Strasburgo);

Difensori: Alderweireld (Tottenham), Boyata (Hertha Berlino), Denayer (Olympique Lione), Vermaelen (Vissel Kobe), Vertonghen (Benfica);

Centrocampisti: Castagne (Leicester), Chadli (Istanbul Basaksehir), Ferreira Carrasco (Atletico Madrid), De Bruyne (Manchester City), Dendoncker (Wolverhampton), T. Hazard (Borussia Dortmund), Meunier (Borussia Dortmund), Praet (Leicester), Tielemans (Leicester), Vanaken (Club Brugge), Witsel (Borussia Dortmund);

Attaccanti: Batshuayi (Crystal Palace), Benteke (Crystal Palace), Doku (Rennes), E. Hazard (Real Madrid), R. Lukaku (Inter), Mertens (Napoli), Trossard (Brighton).

Danimarca

Portieri: Schmeichel (Leicester), Lossl (Everton), Rennow (Schalke 04);

Difensori: Wass (Siviglia), Maehle (Atalanta), Stryger Larsen (Udinese), Boilesen (Copenhagen), Kjaer (Milan), Andreas Christiansen (Chelsea), Vestergaard (Southampton), Andersen (Fulham), Zanka (Copenhagen);

Centrocampisti: Hojbjerg (Tottenham), Delaney (Borussia Dortmund), Jensen (Brentford), Eriksen (Inter), Norgaard (Brentford), Anders Christiansen (Malmoe);

Attaccanti: Poulsen (RB Lipsia), Martin (Barcellona), Wind (Copenhagen), Dolberg (Nizza), Skov Olsen (Bologna), Damsgaard (Sampdoria), Skov (Hoffenheim), Cornelius (Parma).

Finlandia

Portieri: Hradecky (Leverkusen), Jaakkola (Bristol Rovers), Joronen (Brescia);

Difensori: Alho (MTK Budapest), Arajuuri (Pafos), Ivanov (Warta Poznan), O’Shaugnessy (HJK Helsinki), Raitala (Minnesota United), Soiri (Esbjerg), Toivio (Hacken), Uronen (Genk), L. Vaisanen (Elfsborg), S. Vaisanen (Chievo);

Centrocampisti: Jensen (Augsburg), Kamara (Rangers), Kauko (Esbjerg), Lam (Zwolle), Lappalainen (Montreal), Lod (Minnesota United), Taylor (Brann), Schuller (Djurgården), Sparv (Larissa), Valakari (Pafos);

Attaccanti: Forss (Brentford), Pohjanpalo (Union Berlin), Pukki (Norwich).

Russia

Portieri: Dyupin (Rubin Kazan), Safonov (Krasnodar), Shunin (Dinamo Mosca);

Difensori: Diveev (Cska Mosca), Dzhikyia (Spartak Mosca), Fernandes (Cska Mosca), Karavaev (Zenit), Kudryashov (Antalyaspor), Semenov (Akhmat Grozny), Zhirkov (Zenit);

Centrocampisti: Barinov (Lokomotiv Moskva), Cheryshev (Valencia), Fomin (Dinamo Moskva), Golovin (Monaco), Ionov (Krasnodar), Kuzyayev (Zenit), Makarov (Rubin), Miranchuk (Atalanta), Mostovoy (Zenit), Mukhin (CSKA Moskva), Ozdoev (Zenit), Zhemaletdinov (Lokomotiv Moskva), Zobnin (Spartak Moskva);

Attaccanti: Dzyuba (Zenit), Sobolev (Spartak Mosca), Zabolotny (Sochi).

GRUPPO C

Austria

Portieri: Bachmann (Watford), Pervan (Wolfsburg), A. Schlager (LASK);

Difensori: Alaba (Bayern Monaco), Dragovic (Bayer Leverkusen), Friedl (Werder Brema), Hinteregger (Eintracht Francoforte), Lainer (Borussia Monchengladbach), Lienhart (Friburgo), Posch (Hoffenheim), Trimmel (Union Berlino), Ulmer (Salisburgo);

Centrocampisti: Baumgartlinger (Bayern Leverkusen), Baumgartner (Hoffenheim), Grillitsch (Hoffenheim), Ilsanker (Eintracht Francoforte), Laimer (Lipsia), Lazaro (Borussia Monchengladbach), Sabitzer (Lipsia), Schaub (Lucerna), X. Schlager (Wolfsburg), Schopf (Schalke 04);

Attaccanti: Arnautovic (Shanghai Port), Gregoritsch (Augsburg), Kalajdzic (Stoccarda), Onisiwo (Mainz).

Macedonia

Portieri: Dimitrievski (Rayo Vallecano), Jankov (Rabotnicki), Siskovski (Doxa Katokopia);

Difensori: Alioski (Leeds United), Bejtulai (Shkendija), Musliu (Fehervar), Ristevski (Ujpest), S. Ristovski (Dinamo Zagabria), Velkovski (Rijeka), Zajkov (Charleroi);

Centrocampisti: Ademi (Dinamo Zagabria), Avramovski (Kayserispor), Bardhi (Levante), Curlinov (Stoccarda), Elmas (Napoli), Hasani (Partizani), Kostadinov (Ruzomberok), Nikolov (Lecce), Radeski (Akademija Pandev), Spirovski (AEK Larnaca);

Attaccanti: Pandev (Genoa), M. Ristovski (Spartak Trnava), Stojanovski (Chambly), Trajkovski (Maiorca), Trickovski (AEK Larnaca), Velkovski (Sarajevo).

Olanda

Portieri: Bizot (AZ), Krul (Norwich), Stekelenburg (Ajax);

Difensori: van Aanholt (Crystal Palace), Aké (Manchester City), Blind (Ajax), Dumfries (PSV), de Ligt (Juve), Timber (Ajax), Veltman (Brighton), de Vrij (Inter), Wijndal (AZ Alkmaar);

Centrocampisti: van de Beek (Manchester United), Gravenberch (Ajax), F. de Jong (Barcellona), Klaassen (Ajax), Koopmeiners (AZ Alkmaar), de Roon (Atalanta), Wijnaldum (Liverpool), Berghuis (Feyenoord);

Attaccanti: Gakpo (PSV), L. de Jong (Siviglia), Malen (PSV Eindhoven), Depay (Olympique Lione), Promes (Spartak Mosca), Weghorst (Wolfsburg).

Ucraina

Portieri: Bushchan (Dinamo Kiev), Pyatov (Shakhtar Donetsk), Trubin (Shakhtar Donetsk);

Difensori: Karavaev (Dinamo Kiev), Kryvtsov (Shakhtar Donetsk), Matviyenko (Shakhtar Donetsk), Mykolenko (Dinamo Kiev), Popov (Dinamo Kiev), Sobol (Club Brugge), Tymchyk (Dinamo Kiev), Zabarnyi (Dinamo Kiev);

Centrocampisti: Bezus (Gent), Makarenko (Kortrijk), Malinovskyi (Atalanta), Marlos (Shakhtar Donetsk), Shaparenko (Dinamo Kiev), Stepanenko (Shakhtar Donetsk), Sudakov (Shakhtar Donetsk), Sydorchuk (Dinamo Kiev), Tsygankov (Dinamo Kiev), Yarmolenko (West Ham), Zinchenko (Manchester City), Zubkov (Ferencvaros);

Attaccanti: Besedin (Dinamo Kiev), Dovbyk (Dnipro), Yaremchuk (Gent).

GRUPPO D

Croazia

Portieri: Kalinic (Aston Villa), Livakovic (Dinamo Zagabria), Sluga (Luton Town);

Difensori: Barisic (Rangers), Bradaric (Lille), Caleta-Car (Marsiglia), Gvardiol (Dinamo Zagabria), Juranovic (Legia Varsavia), Lovren (Zenit), Skoric (Osijek), Vida (Besiktas), Vrsaljko (Zenit);

Centrocampisti: Badelj (Genoa), Brozovic (Inter), Ivanusec (Dinamo Zagabria), Kovacic (Chelsea), Modric (Real Madrid), Pasalic (Atalanta), Vlasic (Cska Mosca);

Attaccanti: Brekalo (Wolfsburg), Budimir (Osasuna), Kramaric (Hoffenheim), Orsic (Dinamo Zagabria), Perisic (Inter), Petkovic (Dinamo Zagabria), Rebic (Milan);

Inghilterra

Portieri: Henderson (Manchester United), Johnstone (West Browmich), Pickford (Everton);

Difensori: Alexander-Arnold (Liverpool), Chilwell (Chelsea), Coady (Wolverhampton), R. James (Chelsea), Maguire (Manchester United), Mings (Aston Villa), Shaw (Manchester United), Stones (Manchester City), Trippier (Atletico Madrid), Walker (Manchester City).

Centrocampisti: Bellingham (Borussia Dortmund), J. Henderson (Liverpool), Mount (Chelsea), Phillips (Leeds), Rice (West Ham);

Attaccanti: Calvert-Lewin (Everton), Foden (Manchester City), Grealish (Aston Villa), Kane (Tottenham), Rashford (Manchester United), Saka (Arsenal), Sancho (Borussia Dortmund), Sterling (Manchester City).

Repubblica Ceca

Portieri: Mandous (Sigma Olomuc), Pavlenka (Werder Brema), Vaclik (Siviglia);

Difensori: Boril (Slavia Praga), Brabek (Viktoria Plzen), Coufal (West Ham), Celustka (Slavia Praga), Kaderabek (Hoffenheim), Kalas (Bristol), Mateju (Brescia), Zima (Slavia Praga);

Centrocampisti: Barak (Verona), Darida (Hertha Berlino), Hlozek (Sparta Praga), Holes (Slavia Praga), Jankto (Sampdoria), Kral (Spartak Mosca), Masopust (Slavia Praga), Pesek (Slovan Liberec), Sadilek (Slovan Liberec), Sevcik (Slavia Praga), Soucek (West Ham);

Attaccanti: Krmencik (PAOK Salonicco), Pekhart (Legia Varsavia), Schick (Bayer Leverkusen), Vydra (Burnley).

Scozia

Portieri: Gordon (Hearts), Marshall (Derby County), McLaughlin (Rangers);

Difensori: Cooper (Leeds), Gallagher (Motherwell), Hanley (Norwich), Hendry (Oostende), McKenna (Nottingham Forest), O’Donnell (Motherwell), Patterson (Rangers), Robertson (Liverpool), Taylor (Celtic), Tierney (Arsenal);

Centrocampisti: Armstrong (Southampton), Christie (Celtic), Fleck (Sheffield United), Gilmour (Chelsea), McGinn (Aston Villa), McGregor (Celtic), McTominay (Manchester United), Turnbull (Celtic);

Attaccanti: Adams (Southampton), Dykes (QPR), Forrest (Celtic), Fraser (Newcastle), Nisbet (Hibernian).

GRUPPO E

Polonia

Portieri: Fabianski (West Ham), Skorupski (Bologna), Szczesny (Juventus), Majecki (Monaco);

Difensori: Bednarek (Southampton), Bereszynski (Sampdoria), Dawidowicz (Verona), Glik (Benevento), Helik (Barnsley), Kedziora (Dinamo Kiev), Piatkowski (Rakow Czestochowa), Puchacz (Lech Poznan), Rybus (Lokomotiv Mosca);

Centrocampisti: Frankowski (Chicago Fire), Jozwiak (Derby County), Klich (Leeds), Kozlowski (Pogon Szczecin), Krychowiak (Lokomotiv Mosca), Linetty (Torino), Moder (Brighton), Placheta (Norwich), Zielinski (Napoli);

Attaccanti: Kownacki (Fortuna Dusseldorf), Lewandowski (Bayern Monaco), Milik (Marsiglia), Swiderski (PAOK), Swierczok (Piast Gliwice);

Slovacchia

Portieri: Dubravka (Newcastle), Kuciak (Lechia Gdańsk), Rodak (Fulham);

Difensori: Hancko (Sparta Praga), Holubek (Gliwice), Hubocan (Omonia Nicosia), Koscelnik (Slovan Liberec), Pekarik (Hertha Berlino), Satka (Lech Poznan), Skriniar (Inter), Valjent (Maiorca), Vavro (Huesca);

Centrocampisti: Benes (Augsburg), Duda (Colonia), Hamsík (Goteborg), Haraslin (Sassuolo), Hrosovsky (Genk), Gregus (Minnesota), Kucka (Parma), Lobotka (Napoli), Mak (Ferencvaros), Suslov (Groningen), Weiss (Slovan Bratislava);

Attaccanti: Bozenik (Feyenoord), Duris (Omonia Nicosia), Shranz (Jablonec).

Spagna

Luis Enrique ha convocato solo 24 giocatori, per scelta.

Portieri: de Gea (Manchester United), Sanchez (Brighton), Simon (Athletic Bilbao)

Difensori: Laporte (Manchester City), Gaya (Valencia), Alba (Barcellona), P. Torres (Villarreal), Garcia (Manchester City), Di. Llorente (Leeds), Azpilicueta (Chelsea)

Centrocampisti: M. Llorente (Atletico Madrid), Busquets (Barcellona), Rodri (Manchester City), Pedri (Barcellona), Thiago Alcantara (Liverpool), Koke (Atletico Madrid), Fabian (Napoli)

Attaccanti: Dani Olmo (Lipsia), Oyarzabal (Real Sociedad), Moreno (Villarreal), Morata (Juventus), F. Torres (Manchester City), Traore (Wolves), Sarabia (PSG)

Svezia

Portieri: Johnsson (Copenaghen), Nordfeldt (Genclerbirligi), Olsen (Everton);

Difensori: Augustinsson (Werder Brema), Danielson (Dalian Yifang), Granqvist (Helsingborg), Helander (Rangers), Jansson (Brentford), Krafth (Newcastle), Lindelof (Manchester United), Lustig (AIK), Olsson (Hacken);

Centrocampisti: Cajuste (Midtjylland), Claesson (Krasnodar), Ekdal (Sampdoria), Forsberg (Lipsia), Kulusevski (Juventus), S. Larsson (AIK), Sema (Watford), Svanberg (Bologna), Svensson (Guangzhou);

Attaccanti: Berg (Krasnodar), Isak (Real Sociedad), J. Larsson (Spartak Mosca), Quaison (Mainz).

GRUPPO F

Francia

Portieri: Lloris (Tottenham), Maignan (Lille), Mandanda (Marsiglia);

Difensori: Digne (Everton), Dubois (Olympique Lione), Hernandez (Bayern Monaco), Kimpembe (Paris Saint Germain), Kounde (Siviglia), Lenglet (Barcellona), Pavard (Bayern Monaco), Varane (Real Madrid), Zouma (Chelsea);

Centrocampisti: Kanté (Chelsea), Lemar (Atletico Madrid), Pogba (Manchester United), Rabiot (Juventus), Sissoko (Tottenham), Tolisso (Bayern Monaco);

Attaccanti: Ben Yedder (Siviglia), Benzema (Real Madrid), Coman (Bayern Monaco), Dembele (Barcellona), Giroud (Chelsea), Griezmann (Barcellona), Mbappé (Paris Saint Germain), Thuram (Borussia Monchengladbach).

Germania

Portieri: Leno (Arsenal), Neuer (Bayern Monaco), Trapp (Eintracht Francoforte);

Difensori: Ginter (Borussia Monchengladbach), Gosens (Atalanta), Gunter (Friburgo), Halstenberg (Lipsia), Hummels (Borussia Dortmund), Klostermann (Lipsia), Koch (Leeds), Rudiger (Chelsea), Sule (Bayern Monaco);

Centrocampisti: Can (Borussia Dortmund), Goretzka (Bayern Monaco), Gundogan (Manchester City), Hofmann (Borussia Monchengladbach), Kimmich (Bayern Monaco), Kroos (Real Madrid), Musiala (Bayern Monaco), Neuhaus (Borussia Monchengladbach);

Attaccanti: Gnabry (Bayern Monaco), Havertz (Chelsea), Muller (Bayern Monaco), Sané (Bayern Monaco), Volland (Monaco), Werner (Chelsea).

Portogallo

Portieri: Lopes (Olympique Lione), Rui Patricio (Wolverhampton), Rui Silva (Granada);

Difensori: Cancelo (Manchester City), Ruben Dias (Manchester City), Fonte (Lille), Guerreiro (Borussia Dortmund), Nuno Mendes (Sporting), Pepe (Porto), Semedo (Wolverhampton);

Centrocampisti: Carvalho (Betis), Bruno Fernandes (Manchester United), Moutinho (Wolverhampton), Neves (Wolverhampton), Oliveira (Porto), Palhinha (Sporting), Pereira (Paris Saint Germain), Sanches (Lille);

Attaccanti: Joao Felix (Atletico Madrid), Goncalves (Sporting), Guedes (Valencia), Diogo Jota (Liverpool), Cristiano Ronaldo (Juventus), André Silva (Eintracht Francoforte), Bernardo Silva (Manchester City), Rafa Silva (Benfica).

Ungheria

Portieri: Bogdan (Ferencvaros), Dibusz (Ferencvaros), Gulacsi (Lipsia);

Difensori: Bolla (Fehervar), Botka (Ferencvaros), Fiola (Fehervar), Kecskes (Lugano), Lang (Omonia Nicosia), Lovrencsics (Ferencvaros), Orban (Lipsia), At. Szalai (Fenerbahce);

Centrocampisti: Cseri (Mezokovesd), Gazdag (Budapest Honved), Holender (Partizan), Kleinheisler (Osijek), Nagy (Bristol City), Nego (Fehervar), Schafer (Dunajska Streda), Siger (Ferencvaros);

Attaccanti: Hahn (Paks), Nikolic (Fehervar), Sallai (Friburgo), Schon (Dallas), Ad. Szalai (Mainz), K. Varga (Kasımpasa), R. Varga (MTK Budapest).

Diario di un cassintegrato – parte ventitreesima

Ho quasi paura a dirlo, ad esultare, a gioire: da oggi 3 giugno sono finalmente tornato a lavorare al 100%!

Insomma, sono nuovamente occupato cinque giorni a settimana, ad orario pieno e senza cassa integrazione! Dopo aver già subito lo scotto lo scorso ottobre, quando dopo aver pensato che fosse tutto finito rientrammo dalla sera alla mattina nel tunnel delle infinite giornate senza impegni professionali, adesso non so nemmeno come comportarmi: essere felice, abbandonarmi ad un bel brindisi e cercare di mettermi alle spalle questo periodo allucinante oppure no?

Se c’è una cosa che questo periodo mi lascerà per sempre, è la voglia di sviluppare le proprie idee ed i propri sogni cercando di pensare un po’ più all’oggi ed un po’ meno al domani. Se una cosa mi fa stare bene adesso, significa che è il momento giusto per farlo ed allora mi godo questo momento senza però dimenticare tutto ciò che mi ha aiutato a crescere ed a sopravvivere in questi lunghissimi mesi. La passione per questo blog, la voglia di mettermi continuamente alla prova, l’istinto per il confronto che aiuta a crescere e ad imparare. Ecco allora che non smetterò di impegnarmi nel mantenere un appuntamento fisso con voi attraverso rubriche, video, novità, nuovi ospiti ed amici che mi accompagneranno in questo viaggio. E non smetterò nemmeno di dire la mia sugli accadimenti della scena politica italiana: trovo ad esempio allucinante il dibattito al quale stiamo assistendo sulla questione licenziamenti. Tutti ormai si sono accodati alla decisione presa dal Presidente Draghi ma nessuno vuole dire la verità. Tra il Ministro Orlando che cerca quantomeno di alleviare le conseguenze di un provvedimento per me assolutamente sbagliato, un Salvini che di giorno vota a favore in Consiglio dei Ministri e di notte dice di voler assecondare i tentativi dei sindacati, un Movimento 5 Stelle completamente assorbito dalla vicenda Rousseau, a pagare nuovamente le conseguenze della pandemia saranno quei lavoratori che nel frattempo hanno lavorato a singhiozzo, hanno ricevuto spesso in ritardo la cassa integrazione ed adesso vedono avvicinarsi l’ombra del licenziamento.

Tra i fatti delle ultime settimane, quello che mi ha maggiormente colpito è stato il rilascio del boss della mafia Giovanni Brusca. Dopo 25 anni di carcere, uno dei killer più efferati della storia della malavita mondiale, torna dunque in libertà ed il primo sentimento non può che essere di rabbia e di sgomento poiché in un mondo normale una persona del genere non dovrebbe avere alcun diritto di cittadinanza e la dicitura “fine pena mai” dovrebbe essere tatuata sulla sua pelle per sempre. Poi però subentra  la ragione e la grandezza di uomini come Giovanni Falcone che hanno pensato e voluto proprio quella legge grazie alla quale Brusca è nuovamente in libertà. Lo scambio tra la collaborazione con la giustizia e lo sconto di pena è stato infatti uno dei pilastri grazie ai quali lo Stato negli ultimi decenni ha assestato i colpi più duri alla malavita organizzata. Il perdono, che non potrà mai essere concesso se non dalle famiglie delle vittime, è una cosa, la legge è un’altra. La grandezza di un uomo dello stato come Falcone in fondo sta tutta qua: aver dato ai propri assassini gli strumenti di riacquistare la libertà a patto che aiutassero le istituzioni a combattere la mafia, l’estremo sacrificio della propria vita per la rinascita della propria terra, per il futuro delle nuove generazioni che ancora oggi troppo spesso sono sottomesse a logiche malavitose. Quale miglior esempio? Quale più alto sacrificio?

Tornando poi alle nostre cose, volevo annunciare anche qui, come già fatto in video, la nascita su queste pagine di un podcast! Nelle prossime settimane infatti, coloro che seguono Il Corner del Lungo non avranno più scuse: potranno leggere gli articoli, guardare i video oppure ascoltare il podcast come se avessero acceso una radio. Grazie agli amici Flavio Bardaro e Simone Pesucci, parleremo di sport, di calcio ma anche di attualità. Con Flavio partiremo con una serie di puntate dedicate agli Europei di Calcio che iniziano il prossimo 11 giugno, mentre con Simone approfondiremo innanzitutto il tema informazione, giornalismo ed ordini professionali. Cercheremo insomma di accompagnarvi durante tutta l’estate senza annoiarvi e mantenendo  il più possibile aggiornato il blog.

Mi raccomando, se volete approfondire una tematica, scrivetecelo! Ci impegneremo a studiare l’argomento ed appena pronti vi dedicheremo una puntata!!

Insomma, se la cassa integrazione spero diventi solamente un brutto ricordo, il blog, i video ed il podcast vi accompagneranno ancora per un bel po’ di tempo!!