Che si gioca??

La prima settimana dei Mondiali è andata in soffitta e con essa il primo giro dei nostri pronostici. Salva il Molisano tiene sempre il comando della classifica, ma il margine nei confronti degli inseguitori è sempre più sottile.

Ben tre giocatori azzeccano non solamente la squadra vincitrice, ma anche il risultato esatto. Francesco ed Andrea, new entry con ottimi numeri, centrano infatti il risultato esatto dell’Olanda mentre Joe, tanto per non farsi dimenticare, prevede in modo esatto il 2 – 0 del Brasile. Svegliate per favore Niccolò che, dopo aver sbagliato quasi tutte le scontate dell’ultimo periodo, stavolta si dimentica addirittura di giocare. Sarà l’amore? Alla luce di tutto ciò, ecco la nuova classifica aggiornata come al solito dal mitico Meneghino di Paderno Dugnano:

Salva il Molisano 31
Il Pappagallone Reale e Joe il Pistoiese 28
Carlo il Meneghino di Paderno Dugnano 27
Lungo e Francesco il Meneghino Junior 23
Argentino Fiorentino ormai quasi Parigino e Sandrino il Bressesino 21
Bomber Siiimo 17
Andrea 16
Luchino il diavolo rossonero 13
Il Crociato Gialloblù 11
Niccolò 7

Qui sotto le gare da pronosticare questa settimana:

GARA 1 : SPAGNA – GERMANIA

La gara si gioca Domenica 27 novembre alle ore 20,00 ed è inserita nel programma del girone E, con i tedeschi che vengono dalla dalla sconfitta subita i rimonta contro il Giappone e gli iberici che arrivano dalla goleada contro il Costa Rica.

GARA 2: PORTOGALLO – URUGUAY

La gara si disputa Lunedì 28 novembre alle ore 20,00 ed è inserita nel programma del girone H, con i lusitani reduci dalla vittoria contro il Ghana e gli uruguagi dal pareggio contro la squadra dei Kim.

Sotto con i pronostici!

Che si gioca??

Il calcio crea dipendenza, chi meglio di noi lo sa? Ed allora, anche se i maggiori campionati europei vanno in vacanza per far posto a questo obbrobrio di mondiali, ho deciso di tenere aperta la rubrica studiando però una formula personalizzata fino al termine della manifestazione.

Durante il mondiale, proporrò due partite da giocare nella settimana successiva alla rubrica, quindi tra le gare iridate che si disputano dal sabato fino al giovedì. Cercherò di scegliere quelle più difficili ovviamente, e questo perché il punteggio assegnato sarà sempre quello della gara sorpresa: quindi se azzecchiamo l’esito guadagniamo il +3, se invece prendiamo anche il risultato finale, allora +5! Inoltre anche io metterò i miei pronostici nei commenti all’articolo, perché magari la partita da pronosticare verrà giocata dopo quasi una settimana. Spero sia tutto chiaro, altrimenti chiedete pure! Intanto però, vediamo la nuova classifica aggiornata come al solito dal mitico Meneghino di Paderno Dugnano:

Salva il Molisano 25
Il Pappagallone Reale 22
Carlo il Meneghino di Paderno Dugnano 21
Lungo e Joe il Pistoiese 20
Francesco il Meneghino Junior e Argentino Fiorentino ormai quasi Parigino 15
Sandrino il Bressesino 13
Bomber Siiimo 11
Luchino il diavolo rossonero 10
Andrea 8
Niccolò 7
Il Crociato Gialloblù 5

Ecco le partite della prima settimana del Mondiale:

GARA 1 : SENEGAL – OLANDA

La gara si gioca Lunedì 21 novembre alle ore 17,00 ed è inserita nel programma del girone A, in cui militano anche Eucuador ed i padroni di casa del Qatar.

GARA 2: BRASILE – SERBIA

La gara si disputa Giovedì 24 novembre alle ore 20,00 ed è inserita nel programma del girone G, uno dei più duri, con Camerun e Svizzera.

Sotto con i pronostici!

L’Italia di Mancini a Palermo non può sbagliare!

Nessuno voleva arrivarci, adesso esiste un solo risultato!

L’Italia di Roberto Mancini giocherà stasera, contro la Macedonia del Nord, la semifinale degli spareggi che valgono l’accesso ai prossimi Campionati del Mondo in Qatar. Sarebbe clamoroso mancare nuovamente la qualificazione alla manifestazione calcistica più importante dopo il disastro del 2018. In un girone non certo impossibile, i campioni d’Europa in carica sono arrivati dietro alla Svizzera (non proprio una corrazzata seppur sempre insidiosa) ed adesso si ritrovano a misurarsi, in caso di successo in semifinale, contro una tra Portogallo e Turchia in gara secca in trasferta come da girone e calendario qui sotto:

  • ITALIA
  • Macedonia del Nord
  • Portogallo
  • Turchia

Semifinali – Stasera

  • Ore 20.45, ITALIA-Macedonia del Nord (E)
  • Ore 20.45, Portogallo-Turchia (F)

Finale – Martedì 29 marzo

  • Ore 20.45, Vincente E-Vincente F

Prima di pensare all’eventuale finale da giocare martedì, sarà necessario concentrarsi sulla gara di stasera contro una compagine che è arrivata seconda nel girone della Germania lasciandosi alle spalle Romania e Islanda e centrando un risultato storico per un paese di così giovani tradizioni. Il Commissario Tecnico avversario Milevski, che dovrà fare a meno della propria bandiera Goran Pandev infortunato e dell’ottimo centrocampista del Napoli Elmas squalificato, può contare su un paio di calciatori che hanno giocato nel nostro campionato: il difensore esterno Ristovski visto in Italia anche con la maglia del Parma e l’attaccante Trajkovski passato anche da Palermo che guiderà il reparto stasera. Insomma non certo una formazione indimenticabile che però fa dello spirito di squadra e dell’orgoglio il proprio punto di forza per cercare un’altra impresa.

Il Ct campione d’Europa in carica invece, ha risposto con ben 33 convocati:

Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Paris Saint-Germain), Pierluigi Gollini (Tottenham), Salvatore Sirigu (Genoa)

Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Alessandro Bastoni (Inter), Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Mattia De Sciglio (Juventus), Emerson Palmieri (Lione), Alessandro Florenzi (Milan), Luiz Felipe (Lazio), Gianluca Mancini (Roma)

Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Bryan Cristante (Roma), Jorginho (Chelsea), Manuel Locatelli (Juventus), Lorenzo Pellegrini (Roma), Matteo Pessina (Atalanta), Stefano Sensi (Sampdoria), Sandro Tonali (Milan), Marco Verratti (Paris Saint-Germain)

Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Domenico Berardi (Sassuolo), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Joao Pedro (Cagliari), Matteo Politano (Napoli), Giacomo Raspadori (Sassuolo), Gianluca Scamacca (Sassuolo) Mattia Zaccagni (Lazio), Nicolò Zaniolo (Roma).

Guardando le gare del girone di qualificazione ed anche queste chiamate, ho la sensazione che si possa correre ancora una volta un rischio già vissuto dalle nostre nazionali in passato. La possibilità cioè che una vittoria che nessuno si aspettava, come ai mondiali del 1982 e del 2006, non permetta quel ricambio generazionale che invece la nostra squadra avrebbe potuto, e forse dovuto, affrontare con maggiore decisione. Vedere una difesa in cui ancora una volta figurano tra i convocati Bonucci, Chiellini e Florenzi, un centrocampo in cui tutto gira ancora attorno a Jorginho, Verratti e Barella ed un attacco che si regge di nuovo su Immobile e Belotti fa pensare… Siamo sicuri che l’Italia non sarebbe arrivata almeno seconda iniziando già a ricreare un ciclo intorno ad un perno difensivo come Bastoni, un centrocampista come Tonali o Pobega ed attaccanti come Scamacca e Raspadori invece di ridursi a chiamare Joao Pedro? Forse adesso avremmo una nazionale più fresca, più pronta, più entusiasmante….

Non è comunque questo il momento dei processi: adesso conta solo vincere!

Ci vediamo domani con il buono, il brutto, il cattivo con la maglia azzurra!