Il talento – parte sedicesima

Come preannunciato nell’articolo di ieri, passiamo adesso a vedere quali potranno essere le ripercussioni dell’elezione del nuovo presidente federale in relazione al talento e dunque alla sua crescita nelle nostre scuole calcio.

Nello specifico, cercherò di approfondire le tematiche del programma del Presidente Gravina care ai 690.000 tesserati dei settori giovanili calcistici sparsi per il nostro paese la cui passione viene troppo spesso dimenticata e senza la quale la piramide del calcio professionistico non esisterebbe e non potrebbe sopravvivere. A fronte di un programma elettorale di 128 pagine, il Settore Giovanile e Scolastico ne occupa solamente due, con idee che guardano al futuro con i piedi ben radicati nolo solo nel presente, ma anche nel passato rispolverando idee già viste e conosciute.

La prima idea che troviamo per il futuro è quella dell’implementazione e rafforzamento dei Centri Federali di Formazione Territoriale, il primo dei quali fu quello fiorentino delle Due Strade, per il quale il compianto e mai abbastanza rimpianto Presidente Regionale Fabio Bresci lottò fino a riuscire ad ottenerlo nel 2015. Questi Centri, ormai disseminati in tutta Italia, sono dei luoghi in cui i tecnici federali provvedono a fare aggiornamento con i tecnici ed a sperimentare nuove metodologie di allenamento per i giovani calciatori e calciatrici. Un polo di eccellenza per la valorizzazione e la formazione tecnico sportiva non solo dei giovani, ma anche dei tecnici, dei dirigenti e dei genitori delle società del territorio. Inevitabilmente si parla di un progetto a medio-lungo termine che potrà iniziare a dare i frutti dopo alcuni anni, ma comunque un occhio proiettato finalmente nel futuro grazie alla ricerca, la sperimentazione, lo scambio di conoscenze. L’idea innovativa è poi affiancare a questi centri di formazione delle vere e proprie accademie federali che invece si concentreranno sui migliori talenti nazionali per affinare le doti più prettamente tecnico-calcistiche. Sull’esempio di altri paesi europei, come ad esempio la Francia, anche in Italia dunque si cercherà di non disperdere il talento utilizzando una metodologia unica raggruppando i migliori gruppi fin dalla giovane età.

Nell’ambito poi della formazione, si richiama anche l’idea di un’apertura all’esterno dei nostri confini. Nel programma di Gravina infatti, si fa esplicito riferimento alla volontà di rafforzare l’interscambio con le altre federazioni per cercare di arricchirsi in ogni ambito calcistico. Lo scambio di nozioni relative alle metodologie di allenamento rivolto principalmente ai tecnici, ma anche la conoscenza delle diverse normative relative all’impiantistica sportiva, al tesseramento dei giovani calciatori, al modo in cui si affrontano i diversi problemi nei vari paesi europei. Anche in questo caso dunque, un’idea di apertura verso gli altri che il calcio italiano, chiuso nella sua idea di essere il migliore, ha troppo spesso trascurato.  

Se invece guardiamo al campo, alle gare, all’organizzazione dei campionati ed alla vita delle società, il programma non è sufficientemente dettagliato poiché probabilmente i temi sono troppo spinosi per poter essere spiegati in poche righe. Quanto all’organizzazione dei campionati infatti, Gravina ed il suo staff parlano di un rafforzamento della continuità dei campionati non spiegando però bene cosa voglia dire. La speranza è che non si voglia affinare ulteriormente il concetto di ricerca spasmodica dei campionati di èlite, una strada che ha portato alla guerra tra società nella ricerca dei bambini più bravi. L’idea dei Centri di Formazione Federale e dell’Accademia credo sia più che sufficiente per individuale e lavorare sui prospetti più interessanti del panorama nazionale.

Ancora più nebuloso è poi il modo in cui si pensa di risolvere le ormai ataviche controversie relative al tesseramento dei calciatori. Detto che la riforma Spadafora, con la conseguente cancellazione del vincolo è ormai tramontata, il programma del prossimo quadriennio è una pura dichiarazione di intenti. Si vuole infatti tendere ad una rivisitazione degli indennizzi economici ma non si spiega né il modo né la tempistica, senza considerare poi che la meccanica del premio di preparazione è già stata riformata pochi mesi fa come abbiamo detto in un altro appuntamento della rubrica.

Sono invece stato colpito al cuore nel leggere gli obiettivi del prossimo mandato relativamente al rapporto con gli istituti scolastici. Finalmente si torna a parlare di questo importante capitolo seppur senza brillare di originalità. La volontà è infatti quella di rafforzare, anche se sarebbe meglio usare la parola riprendere, il rapporto con un mondo che negli ultimi anni è stato trascurato con l’obiettivo di promuovere i valori più sani di questo sport meraviglioso e di far conoscere meglio il regolamento del gioco del calcio. Tutti obiettivi molto importanti e nobili che già erano stati perseguiti nella prima decade di questo millennio, così come quello di far assaggiare nuovamente ai bambini di oggi il calcio come lo si giocava anni fa. Con il progetto Calcio in Strada infatti, la FIGC tende a riportare i bambini a praticare uno sport completamente destrutturato per il solo gusto di correre dietro una palla, senza regole asfissianti, ansia da risultato, classifiche astruse. Progetto bellissimo, se non fosse che è praticamente uguale a quello a fine anni 90 si chiamava “Stradacalciando”, di cui sono stato tra gli organizzatori quando facevo parte del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC.

Tutto bello, tutto condivisibile, magari se si desse anche merito a chi queste manifestazioni all’epoca inventò e portò a giro per l’Italia (e non parlo certamente di me) sarebbe tutto ancora più bello, oltre che giusto ed onesto.

Il talento – parte dodicesima

Nell’ultimo capitolo della nostra rubrica, abbiamo cercato di approfondire quali siano le storture dal punto vista dell’organizzazione dei campionati nel passaggio dalla scuola calcio al settore giovanile. Molto spesso quelli che possono sembrare piccoli cambiamenti regolamentari non vengono analizzati a fondo per capirne le ricadute sugli utenti finali. Nel caso specifico dei campionati di calcio giovanili, dietro a questo odioso termine non si nascondono dei semplici consumatori di un prodotto e dunque dobbiamo essere in grado di capire cosa comporta ogni cambiamento in una fascia di età tanto delicata come quella dei 12-14 anni.

La realtà è che il salto troppo repentino verso i campionati in cui iniziano a contare i risultati, le classifiche ed i gol segnati e subiti, possono scatenare nei nostri bambini ed adolescenti sentimenti contrastanti. Negli individui meno pronti, questa precipitazione può instillare ansia da prestazione, paura di sbagliare, mancato divertimento ed in alcuni casi il nostro piccolo calciatore può arrivare perfino ad abbandonare la pratica sportiva. Insomma, comunque la si guardi, una sconfitta cocente per il nostro movimento.

Secondo molti studi infatti, è la fascia dai 14 ai 16 anni quella in cui i nostri ragazzi lasciano maggiormente le società sportive e questo dovrebbe farci riflettere per cercare di trovare soluzioni che limitino la dispersione e, nello stesso tempo, offrano un’alternativa a questi ragazzi. Il Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, tra la fine degli anni novanta e la prima decade del 2000, aveva instaurato un fecondo rapporto di collaborazione con le scuole che aveva dato ottimi frutti. Ricordo che una delle iniziative più importanti, sia dal punto di vista promozionale che dal punto di vista pedagogico, era la possibilità di fare corsi per arbitro nelle scuole superiori. Proprio in quella fascia in cui l’abbandono era massimo infatti, la FIGC aveva portato il messaggio che si poteva essere protagonisti nel mondo del calcio anche interpretando un altro ruolo rispetto a quello del calciatore: ecco allora che coloro i quali amavano questo splendido gioco, potevano continuare a farne parte frequentando il corso per arbitro e mettendosi fin da subito alla prova. Nei tornei scolastici infatti, i ragazzi del corso, arbitravano le gare insieme ai tutor delle sezioni arbitrali che, dopo aver svolto il corso in qualità di docenti, affiancavano il nuovo piccolo Direttore di Gara nelle prime esperienze da arbitro. Questo è solo un esempio di un fecondo rapporto di collaborazione che ha portato negli anni ottimi risultati di cui cito solo alcuni esempi: tantissime bambine hanno provato a giocare a calcio grazie all’intervento di operatori esterni nelle scuole di ogni ordine e grado e grazie alla partecipazione ai tornei scolastici, molte maestre di scuola primaria e dell’infanzia hanno avuto l’occasione di conoscere meglio le metodologie di insegnamento dell’attività motoria grazie ai corsi di aggiornamento offerti dalla FIGC, tanti ragazzi che avevano abbandonato il campo da gioco sono tornati ad essere protagonisti grazie ad un fischietto in bocca. Non è forse questo l’obiettivo primario di un settore di servizio quale quello della FIGC?

Purtroppo però, quel periodo d’oro sembra essersi esaurito ed anche le società sembrano in gran parte essere tornate ai vecchi vizi precedenti. Ne parleremo nella prossima puntata!