Il buono, il brutto, il cattivo

SASSUOLO – FIORENTINA = 2 – 1

E’ stata una partita bellissima, divertente, con tantissime occasioni e cambi di fronte, con giocate tecniche degne di nota. Peccato che il risultato non abbia arriso alla Fiorentina che si sarebbe ampiamente meritata almeno il pareggio. Nel primo tempo i viola hanno giocato almeno alla pari, ma nella seconda frazione i ragazzi di Italiano hanno dominato giocando praticamente ad una porta ed avendo diverse occasioni da rete. Peccato aver abbassato il ritmo e diminuito la concentrazione dopo la rete di Cabral: tale mancanza è costata una sconfitta sanguinosa che blocca la corsa della Fiorentina verso l’Europa. La svolta della gara è stata determinata prima dall’espulsione di Bonaventura avvenuta dopo un’ammonizione assolutamente esagerata, poi dalla dormita colossale di Martinez Quarta sulla rete che ha deciso la partita. Resta comunque da salvare la prestazione di una squadra che ha giocato meglio del Sassuolo, ha avuto un numero maggiore di occasioni, ha dimostrato di avere la gara sotto controllo per almeno due terzi di gara sia in parità numerica che in inferiorità. Sarà fondamentale non abbattersi per la sconfitta perché la prestazione è stata assolutamente all’altezza e mercoledì, a differenza di quel che dice il simpaticone serbo, non sarà una partita come tutte le altre!

IL BUONO

  • Castrovilli : tra le tante amarezze della serata, finalmente un raggio di sole. Gaetano certamente non è ancora quel talento del quale ci siamo innamorati, ma inizia ad assomigliargli. E’ chiaro che il calcio di Italiano non lo aiuta perché lui è un calciatore che ha bisogno di campo aperto davanti, di correre in contropiede, di spazi non occupati davanti, ma il tirocinio inizia a sortire i propri effetti. Il 2022 sembra essersi aperto in modo diverso ed il numero 10 viola anche stasera sfodera una prestazione più che discreta. Arriva al tiro, viene coinvolto, salta spesso l’avversario. Che possa essere l’arma segreta per l’Europa?
  • Dragowski: dopo un periodo in cui è rimasto a guardare torna protagonista per due gare consecutive e non sbaglia nulla. Incolpevole sui gol subiti, soprattutto nel primo tempo salva la porta viola sia tra i pali che in uscita. Sembra finalmente calato nell’interpretazione del ruolo richiesta da mister Italiano. Con i piedi deve ancora migliorare, ma la strada imboccata sembra quella giusta!
  • Ikonè : certo fare rete non è il suo mestiere, ma di mancini così educati ne ho visti pochi a Firenze. Rifinitore delizioso, dotato di fantasia e tecnica sopraffina, quando entra dentro il campo disegna calcio. Certo se riuscisse anche a segnare non farebbe schifo, ma probabilmente non giocherebbe a Firenze. Maritozzo alla panna.

IL BRUTTO

  • Odriozola : questa è una di quelle partite che mi fanno pensare che se dobbiamo spendere più di 10 milioni per il riscatto dello splendido terzino basco, allora meglio lasciarlo andare. Proprio perché è un terzino, in quel ruolo bisognerebbe anche saper difendere! Nel primo tempo viene scherzato troppe volte da Traoré che gli fa addirittura il tunnel prima del gol del vantaggio. Dimostra ancora una volta che, finché la Fiorentina attacca, non teme rivali, ma quando si deve difendere….. Mamma mia!!!
  • Martinez Quarta : commette l’errore fatale al 93′ in marcatura su Defrel. Un difensore argentino, che è conosciuto per la garra, per la dedizione, per l’attenzione, non può commettere l’errore che costa la partita alla Fiorentina. Dimostra ancora una volta che in un calcio organizzato fa veramente fatica, si perde, non è probabilmente all’altezza. Nel momento in cui la squadra ha bisogno di una lettura difensiva, Quarta sbaglia. Coppia Igor Milenkovic mercoledì, grazie.
  • Maleh : semplicemente imbarazzante. Gioca la prima partita decisamente insufficiente della stagione. Succede ma si farà!
  • Prontera – Bonaventura: l’arbitro di stasera ne azzecca veramente poche e, fin da subito, si mostra piuttosto casalingo. Nell’occasione incriminata il giallo è assolutamente esagerato ma la reazione di Bonaventura è assurda. Sotto di un gol in una partita in cui la Fiorentina comanda il gioco, entrato da un quarto d’ora, combini una sciocchezza del genere? Cartellino rosso per entrambi!
  • Gestione della gara: trovo inspiegabile il modo in cui la Fiorentina si sia seduta dopo il gol del pareggio di Cabral. E’ vero che aveva speso tanto per raggiungere la rete, ma abbassare il ritmo, l’intensità e calare l’attenzione non è possibile contro squadre di serie A. La speranza è che Biraghi e compagni imparino in fretta la lezione. Mercoledì sarà inammissibile!

Ci vediamo al Corner Viola!

4 pensieri su “Il buono, il brutto, il cattivo

  1. Da Sassuolo torniamo con zero punti, ma anche con dei segnali confortanti.
    Il primo è il gol di Cabral. Uno dei problemi storici della Fiorentina è proprio la mancanza di un bravo centravanti di riserva: se escludiamo la lunga parentesi di Babacar, negli anni abbiamo visto tanti obbrobri ricoprire quel ruolo, da Nacho Castillo a Santiago Silva passando per Iakovenko. Ricordo un periodo in cui Prandelli per disperazione dovette prendere come riserva di Gilardino il centravanti della Primavera (Maritato). Se Cabral riuscirà a rompere questa maledizione, tirerò un gran sospiro di sollievo.
    Il secondo è quello che hai detto tu, ovvero la ripresa di Castrovilli. Come ricorderai, dopo la sua ennesima prestazione oscena in Coppa Italia avevo detto basta con questo giocatore, se fossi stato io l’allenatore l’avrei retrocesso ad ultima delle riserve. Per fortuna Italiano ha avuto più pazienza di me, e grazie a lui adesso abbiamo recuperato uno dei calciatori potenzialmente più validi dell’intera rosa.
    Riguardo al risultato, ti stupirò, ma nonostante sia arrivato in modo così beffardo non mi ha fatto scomporre più di tanto. Non solo per i segnali confortanti che ho ricevuto, ma anche perché non dimentico che questa squadra più o meno con gli stessi uomini (anzi, pure con un Vlahovic in più) l’anno scorso doveva pregare Iddio che il Benevento non vincesse contro il Crotone, perché altrimenti rischiava di brutto la serie B.
    P.S.: Avrai notato che tra i nostri centravanti di riserva impresentabili non ho menzionato Kokorin. Non l’ho citato per un motivo molto semplice: secondo me non è neanche un vero calciatore. La decisione di Pradé di garantirgli 1,8 milioni di ingaggio annuo da sola varrebbe un licenziamento per giusta causa. Se a questo aggiungiamo tutti gli altri acquisti che ha cannato, arrivo addirittura a rimpiangere Corvino: anche lui ha perso tante scommesse, ma almeno per la legge dei grandi numeri qualche acquisto lo azzeccava. Pradé neanche quello.
    Ah, rimanendo in tema di centravanti di riserva, ti ricordo anche un’altra perla di Pradé: non riscattare Muriel per fare spazio a Pedro. Il fenomeno in questione fu pagato 11 milioni, disputò in maglia viola la miseria di 59 minuti e poi fu rispedito in Brasile a 4 mesi dal suo arrivo. Ma per Pradé era meglio di Muriel: che fiuto, eh? 🙂

    "Mi piace"

    • Un commento bellissimo che mi ispirerebbe almeno un paio di articoli. Cercherò di essere esaustivo senza annoiare… giustissimo il discorso su Cabral e su tutti i troiai che ci siamo sciroppati in questi anni. Su Castrovilli sono contento di aver avuto ragione perché un ragazzo con queste doti tecniche ed atletiche non può essere sparito in un attimo. Quanto poi a Kokorin io credo sia stato solamente un favore che abbiamo dovuto fare al procuratore ed intermediario Lippi che nella prima stagione dell’era Commisso ha permesso ad una società arrivata in ritardo di fare mercato nonostante l’assenza assoluta di esperienza in questo campo. Concordo poi su tutti gli errori di Prade’, ma se dovessimo scrivere tutte le meteore prese da Corvino non basterebbe tutto il blog! Non dimentichiamo poi che in questa sessione ha preso Odriozola, Torreira e Nico… più Piatek e Cabral con Ikone’ a gennaio…insomma mi sembra si stia rifacendo! 💜

      "Mi piace"

      • Di tutti i nuovi acquisti che hai menzionato, quello che mi piace di più è Odriozola: concordo con te quando scrivi che sa solo attaccare e non difendere, ma se sapesse fare entrambe le cose sarebbe ancora al Real Madrid. E poi, ricordo che tempo fa andai a vedere il suo profilo Instagram, e vidi che sotto ad una sua foto tutti i suoi compagni di squadra gli avevano rivolto dei commenti affettuosissimi: questo significa che è anche benvoluto nello spogliatoio, e quindi va trattenuto a tutti i costi. Grazie mille per i complimenti e per la risposta! 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...